Da qui

È da qui che guardo fuori
il paesaggio appena appena ricoperto di neve
sotto un cielo grigio immobile ed assorto
da questo dentro avvolto
appena appena vestito di ore nuove
in cui si spacca un brivido di gelido timore
ed un caffè

Sii la mia notte

Vieni, tu che sei mia
nella mia notte.
Crea, tu che sei mia,
la mia notte:
quieta questa quiete.
Calma questa calma. Annega
questa morte. Allarga
questa stanza. Abbatti questo muro.
Alza questo cielo. Dona pace
a queste ombre. Falcia
questa pioggia. Rendi musica
queste lacrime. Fai fiorire
queste mani.
Seppellisci queste parole. Guarisci
questi occhi.
Diventa la mia notte.
Sii
la mia notte.

Josip Pupacic