Traslochi: Parte 1

Non c’è contatto di mucosa con mucosa eppur mi infetto di te, che arrivi e porti desideri e capogiri in versi appassionati e indirizzati a me

e porgi in dono la tua essenza misteriosa, che fu un brillio fugace qualche notte fa

e fanno presto a farsi vivi i miei sospiri che alle pareti vanno a dire “ti vorrei qua”.

Questa è la canzone che scrivo per te: l’ho promessa ed eccola. Riesci a scorgerti? Sì che ci sei, prima che ti conoscessi.

Ora ho il tuo splendido sorriso da succhiare: sfavilla di felicità. L’osservo su dalla tua fronte vanitosa che ai miei baci ha chiesto la priorità.

Questa è la canzone che scrivo per te: l’ho promessa ed eccola. Riesci a scorgerti? Sì che ci sei, proprio mentre ti conosco.

E ho le tue mani da lasciarmi accarezzare il cuore immune da difese che non servono.

Ma ora ho in testa il viso di qualcuno più speciale di me, che sa cantare ma ha più stemmi da lustrare di me…

e questo è il tuo svago.

Per quel che mi riguarda sei un continente obliato. Per quel che ho visto in fondo mi è piaciuto.

Questa è la canzone che scrivo per te: l’ho promessa ed eccola.

Riesci a scorgerti? Non ci sei più, dopo che ti ho conosciuta.

(Testo dei Marlene Kuntz)
Annunci

Un commento su “Traslochi: Parte 1

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...