Solitudine

Un bicchiere sul comodino
profumo di lenzuola calde
il cuscino per terra
un libro per non vedere
il tappeto liso
la persiana che non si chiude
la vestaglia sulla sedia
e la smagliatura di una calza
la sponda del letto
il cordone della tenda
la coperta spiegazzata
l’odore del caffè
il disco sul grammofono
la polvere sulla cassettiera
l’abito fuori moda
il pianoforte scordato
una spazzola e il tuo profumo
la maniglia si abbassa
e la tua schiena scompare
il gatto miagola
e si è fatta più rossa l’aurora.

Un bicchiere sulle lenzuola bianche
un libro sul tappeto liso
la vestaglia che non si vede
la smagliatura nella tenda
l’odore della polvere
la cassettiera fuori moda
le labbra spiegazzate
il lamento del pianoforte
la maniglia e la tua impronta
il disco che si abbassa
la persiana sul grammofono
il gatto miagola
la candela si spegne
ed è già solitudine

(Daniela Zeffiro)

solitudine

Copyright riservato secondo le leggi internazionali sui diritti d’autore estensione digitale

Annunci

7 commenti su “Solitudine

  1. Miss Fletcher ha detto:

    Che poesia…grazie di averla condivisa, non la conoscevo!
    Un abbraccio!

  2. navemossa ha detto:

    E’ bella, sì. E’ di una mia grande amica. Ha vinto dei premi, qualche anno fa, ma non vuole che lo dica, fa la modesta 🙂
    Un abbraccio

  3. masticone ha detto:

    vogliamo qualcosa di tuo……:) che sei piu brava

  4. navemossa ha detto:

    Wow! Non me ne voglia la mia amica, ma questa è una bella botta di autostima 🙂
    Grazie masticone,
    prossimamente su questa nave in sala comandi, qualcosa di mio 😉

  5. dada ha detto:

    chi scrive “veramente” è sempre più bravo, in modo diverso, la poesia rispecchia l’anima soggettiva di ognuno ed è solo una questione di stile e di narrazione diversa interiore, è certo che se si scrive che “cuore fa rima con amore” può essere considerato da qualcuno il meglio di una metrica in prosa, la beltà o la bravura di un verso poetico sta nella sensibilità letteraria e nell’oggettività di uno studio. Non dirò mai che una persona è più brava di me, solo che mi piace molto quello che scrive oltre quello che creo io che è diverso, ma oltremodo significativo nella universalità poetica dell’immagine che si vuole definire. Se si legge Montale o Prevert o Neruda si capisce un’epoca, uno studio, una storia attraverso l’ermetico significato dei loro versi, la poesia è anche questo, non solo confine di anima o canto di gioie o di altri afflati….il valore di una poetica non lo si esplica in modo superficiale. La bravura di Maia sta nel talento che possiede perchè sa come scrivere così come la mia scrittura che è diversa, ma sensibilmente simile semplicemente perchè non contiene scontate verbalità narrative che si leggono in questa giostra internettiana o peggio ancora in caffè letterari di ben più alto livello. Daltronde la “Solitudine” della creatività sta proprio nella bellezza e nella verità del suo essere מקור חיים
    lo scrivo in ebraico così le menti possono aprirsi nella ricerca del significato….

  6. navemossa ha detto:

    Ma Dada! Mò dove lo andiamo a cercare sto significato? Uff…pant pant… il tuo sgrunt è troppo sgrunt! Il mio abbraccio invece vuole essere pat pat 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...